Website TemplatesJoomla TemplatesWeb Hosting
contatti
Per informazioni:
Consol Onlus
Via Marconi 21/b
39100, Bolzano
Orario:
lun-giov 9-13 14.30-18
ven 9-13

tel. 0471/932392
fax. 0471/224309

cel. 347/3072069
email. info@consol.bz.it
Home Carte di soggiorno

Permesso e carta di soggiorno: rilascio e rinnovo

Nuova procedura

Quali permessi richiedere
La carta di soggiorno

La carta di soggiorno --> i diritti
Stranieri in possesso di un permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo rilasciato da altro Stato membro
Assistenza per compilazione e appuntamenti CONSOL
In attesa del permesso di soggiorno
Divieti e revoche

 

Quali permessi richiedere

Il rilascio/rinnovo del permesso di soggiorno, da presentare agli uffici postali abilitati, può essere richiesto per uno dei seguenti motivi:

(1) L’aggiornamento del permesso di soggiorno nel caso di cambio domicilio, stato civile, inserimento figli, cambio passaporto


Il rilascio/rinnovo del permesso di soggiorno, da presentare alla Questura, può essere richiesto per uno dei seguenti motivi:

  • affari;
  • cure mediche;
  • gara sportiva;
  • motivi umanitari;
  • asilo politico (richiesta-rilascio);
  • integrazione minore;
  • famiglia, ai sensi art. 19 decreto legislativo n. 286/98 richiesta di rilascio   (stranieri
  • conviventi con parenti entro il 2° grado o con il coniuge di nazionalità italiana);
  • giustizia;
  • status apolide (rilascio);
  • Carta di soggiorno per stranieri, richiesta del familiare convivente
  • Carta di soggiorno per motivi di famiglia del figlio/a minore ultra quattordicenne
  • Aggiornamento della carta di soggiorno
  • Duplicato della carta di soggiorno, del titolo di soggiorno scaduto, del passaporto o altro documento equipollente.


La stessa facilitazione è consentita agli stranieri che hanno presentato domanda per il primo rilascio del permesso di soggiorno per lavoro subordinato, lavoro autonomo o ricongiungimento familiare a condizione che:

  • il viaggio non preveda il transito in altri Paesi Schengen, essendo lo stesso precluso
  • vacanze lavoro

La carta di soggiorno

Il rilascio/aggiornamento della carta di soggiorno  (soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo),  può essere richiesto per uno dei seguenti motivi:


N.B. Per i cittadini dell'Unione europea e neocomunitari non è necessaria la carta di soggiorno ma nel caso in cui soggiornino in Italia per un periodo superiore ai tre mesi devono chiedere l'iscrizione anagrafica.



I diritti

Oltre a quanto previsto per lo straniero regolarmente soggiornante nel territorio dello Stato, il titolare del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo puo':

  • fare ingresso nel territorio nazionale in esenzione di visto e circolare liberamente sul territorio nazionale salvo quanto previsto dall'articolo 6, comma 6;
  • svolgere nel territorio dello Stato ogni attivita' lavorativa subordinata o autonoma salvo quelle che la legge espressamente riserva al cittadino o vieta allo straniero. Per lo svolgimento di attivita' di lavoro subordinato non e' richiesta la stipula del contratto di soggiorno di cui all'articolo 5-bis;
  • usufruire delle prestazioni di assistenza sociale, di previdenza sociale, di quelle relative ad erogazioni in materia sanitaria, scolastica e sociale, di quelle relative all'accesso a beni e servizi a disposizione del pubblico, compreso l'accesso alla procedura per l'ottenimento di alloggi di edilizia residenziale pubblica, salvo che sia diversamente disposto e sempre che sia dimostrata l'effettiva residenza dello straniero sul territorio nazionale;
  • partecipare alla vita pubblica locale, con le forme e nei limiti previsti dalla vigente normativa.


E' autorizzata la riammissione sul territorio nazionale dello straniero espulso da altro Stato membro dell'Unione europea titolare del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo di cui al comma 1 che non costituisce un pericolo per l'ordine pubblico e la sicurezza dello Stato.


Stranieri in possesso di un permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo rilasciato da altro Stato membro

Lo straniero, titolare di un permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo rilasciato da altro Stato membro dell'Unione europea e in corso di validita', puo' chiedere di soggiornare sul territorio nazionale per un periodo superiore a tre mesi, al fine di:

  • esercitare un'attivita' economica in qualita' di lavoratore subordinato o autonomo, ai sensi degli articoli 5, comma 3-bis, 22 e 26. Le certificazioni di cui all'articolo 26 sono rilasciate dallo Sportello unico per l'immigrazione;
  • frequentare corsi di studio o di formazione professionale, ai sensi della vigente normativa;
  • soggiornare per altro scopo lecito previa dimostrazione di essere in possesso di mezzi di sussistenza non occasionali, di importo superiore al doppio dell'importo minimo previsto dalla legge per l'esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria e di una assicurazione sanitaria per il periodo del soggiorno.


Allo straniero di cui al comma 1 e' rilasciato un permesso di soggiorno secondo le modalita' previste dal presente testo unico e dal regolamento di attuazione. Ai familiari dello straniero titolare del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo e in possesso di un valido titolo di soggiorno rilasciato dallo Stato membro di provenienza, e' rilasciato un permesso di soggiorno per motivi di famiglia, ai sensi dell'articolo 30, commi 2, 3 e 6, previa dimostrazione di aver risieduto in qualita' di familiari del soggiornante di lungo periodo nel medesimo Stato membro e di essere in possesso dei requisiti di cui all'articolo 29, comma 3.

Per soggiorni inferiori a tre mesi, allo straniero di cui ai commi 1 e 3 si applica l'articolo 5, comma 7, con esclusione del quarto periodo.


Agli stranieri di cui ai commi 1 e 3 e' consentito l'ingresso nel territorio nazionale in esenzione di visto e si prescinde dal requisito dell'effettiva residenza all'estero per la procedura di rilascio del nulla osta di cui all'articolo 22. Il permesso di soggiorno di cui ai commi 2 e 3 e' rifiutato e, se rilasciato, e' revocato, agli stranieri pericolosi per l'ordine pubblico o la sicurezza dello Stato. Nel valutare la pericolosita' si tiene conto anche dell'appartenenza dello straniero ad una delle categorie indicate nell'articolo 1 della legge 27 dicembre 1956, n. 1423, come sostituito dall'articolo 2 della legge 3 agosto 1988, n. 327, o nell'articolo 1 della legge 31 maggio 1965, n. 575, comesostituito dall'articolo 13 della legge 13 settembre 1982, n. 646, ovvero di eventuali condanne, anche non definitive, per i reati previsti dall'articolo 380 del codice di procedura penale, nonche', limitatamente ai delitti non colposi, dall'articolo 381 del medesimo codice. Nell'adottare il provvedimento si tiene conto dell'eta' dell'interessato, della durata del soggiorno sul territorio nazionale, delle conseguenze dell'espulsione per l'interessato e i suoi familiari, dell'esistenza di legami familiari e sociali nel territorio nazionale e dell'assenza di tali vincoli con il Paese di origine. Nei confronti degli stranieri di cui al comma 6 e' adottato il provvedimento di espulsione ai sensi dell'articolo 13, comma 2, lettera b), e l'allontanamento e' effettuato verso lo Stato membro dell'Unione europea che ha rilasciato il permesso di soggiorno. Nel caso sussistano i presupposti per l'adozione del provvedimento di espulsione ai sensi dell'articolo 13, comma 1, e dell'articolo 3, comma 1, del decreto-legge 27 luglio 2005, n. 144, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio 2005, n. 155, l'espulsione e' adottata sentito lo Stato membro che ha rilasciato il permesso di soggiorno e l'allontanamento e' effettuato fuori dal territorio dell'Unione europea.


Allo straniero di cui ai commi 1 e 3, in possesso dei requisiti di cui all'articolo 9, e' rilasciato, entro novanta giorni dalla richiesta, un permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo. Dell'avvenuto rilascio e' informato lo Stato membro che ha rilasciato il precedente permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo.



Assistenza per compilazione e appuntamenti CONSOL  

La cooperativa CONSOL onlus offre un servizio gratuito per la prenotazione di appuntamenti in Questura di Bolzano e per la pre - compilazione delle domande, da presentare agli uffici postali abilitati.


L'assistenza si può richiedere presso:
  • CONSOL onlus (Centro di informazione e servizi per gli immigrati in provincia di Bolzano),  
  • altri Enti abilitati  


In attesa del permesso di soggiorno

Gli stranieri in attesa del rinnovo del titolo di soggiorno possono uscire dall'Italia e rientrarci se in possesso:

  • della ricevuta rilasciata da Poste Italiane S.p.A. che attesta l'avvenuta presentazione della domanda di rinnovo del loro pemesso di soggiorno o della carta di soggiorno,
  • l'uscita e il rientro avvengano attraverso una qualunque frontiera esterna italiana ( circolare_11_marzo_2009 In attesa del permesso di soggiorno )
  • lo straniero esibisca il passaporto o altro documento di viaggio equipollente, unitamente al visto d'ingresso dal quale desumere i motivi del soggiorno (lavoro subordinato, lavoro autonomo o ricongiungimento familiare) e la ricevuta di Poste Italiane S.p.A.;
  • (  Circolare_del 27 Giugno 2007_Minore _14 ) , si è stabilito che chi ha figli minori di 14 anni può richiedere alla Questura il rilascio di un permesso di soggiorno cartaceo provvisorio e con validità limitata. Sul titolo saranno iscritti i figli minori che in questo modo potranno lasciare temporaneamente l’Italia.


Divieti e revoche

Non è possibile richiedere il permesso di soggiorno CE nei seguenti casi:

  • per motivi di studio o formazione professionale e ricerca scientifica;
  • per soggiorni a titolo di protezione temporanea o per motivi umanitari;
  • per asilo o in attesa del riconoscimento dello status di rifugiato;
  • per possesso di un permesso di soggiorno di breve durata;
  • ai diplomatici, i consoli, i soggetti che godono di funzioni equiparate e i membri di rappresentanze accreditate presso organizzazioni internazionali di carattere universale.


Il permesso di soggiorno CE è revocato: se acquisito fraudolentemente;in caso di espulsione;quando vengono a mancare le condizioni per il rilascio;in caso di assenza dal territorio dell'Unione per un periodo di 12 mesi consecutivi;in caso di ottenimento di un permesso di soggiorno di lungo periodo da parte di un altro Stato membro dell'Unione europea;in caso di assenza dal territorio dello Stato per un periodo superiore a 6 anni.

    contatti

    Per informazioni:
    Consol Onlus
    Via Marconi 21/b
    39100, Bolzano

    tel. 0471/932392
    fax. 0471/224309

    cel. 347/3072069
    email. Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

     

 

Utilizziamo cookies anche di terze parti per migliorare la navigazione dell'utente. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information